Accatastamento in assenza di CIL o DIA dopo la ristrutturazione

Accatastamento in assenza di CIL o DIA dopo la ristrutturazione

Questo caso si configura soprattutto in occasione di una compravendita immobiliare. Infatti, è ormai diffusa l’usanza da parte dei Notai di richiedere una planimetria aggiornata dell’appartamento in vendita da allegare all’atto di compravendita. In particolare, dal 1° luglio 2010 sarà obbligatorio da parte loro pretendere dal venditore una dichiarazione di rispondenza dell’appartamento alla sua rappresenrtazione grafica catastale in conformità all’ art. 19 D.L. 78/2010. Nel caso in cui siano stati effettuati lavori di ristrutturazione, con ridistribuzione degli spazi interni, senza titolo abilitativo (C.I.L. o D.I.A.) non è più possibile effettuare una variazione catastale dell’immobile con il meccanismo della “miglior rappresentazione grafica”. Infatti, i tecnici dell’Agenzia del Territorio – Catasto, ormai richiedono obbligatoriamente gli estremi del titolo abilitativo col quale sono stati effettuati i lavori di ristrutturazione rilasciato dal Comune o Municipio. In questo caso è pertanto obbligatorio effettuare prima una CILA in Sanatoria , con pagamento di sanzione, ed effettuare dopo la regolare variazione catastale. Tutte le variazioni catastali devono essere effettuate con il software DOCFA.

Commenti

I commenti sono chiusi

0 Condivisioni
+1
Condividi
Tweet
Condividi
WhatsApp
Email