Questo sito mette a disposizione, un servizio di calcolo superficie commerciale online e superficie calpestabile dalla planimetria catastale.

Per conoscere la superficie e sapere quanti metri quadrati commerciali  o quanti mq calpestabili sia il tuo immobile compila la richiesta. Con solo €16.00 (I.V.A. inclusa) e pochi click, in meno di 1 ora riceverai il calcolo superfici con la firma digitale del Geometra nella tua casella mail.

Evita inutili perdite di tempo…ordina il calcolo superfici comodamente da casa oppure dall’ufficio. Il documento è firmato digitalmente dal Geometra Massari.

Compila il form con i dati richiesti

Paga in modo sicuro con CARTA di CREDITO o BONIFICO BANCARIO.

Ricevi il Calcolo Superfici per email in massimo 1 Ora.

Leggi cosa pensano altri utenti che hanno giá effettuato un acquisto. Dopo l’acquisto lasci anche lei la sua recensione sul servizio offerto su Google  oppure su Facebook

Condividi la tua esperienza.

IMPORTANTE:

Attraverso questo ordine, riceverete il Calcolo di Superficie di fabbricato urbano di vostra proprietà con la firma digitale del Geometra Massari. Questo documento è valido sotto tutti gli effetti legali. Il prezzo indicato si riferisce ad un’unica piantina catasto casa rasterizzata o pianta negozio o planimetria garage, etc. Questa è identificata catastalmente da foglio, particella e subalterno.

Qualora la planimetria fosse riferita ad una villa o villino di ampia metratura e su più livelli ovvero qualsiasi immobile di ampia metratura, verrà richiesta un integrazione di prezzo pari a € 16,00 oltre i primi 16 già versati.

Leggi Condizioni Generali Utilizzo.

Cosa si ottiene facendo l’acquisto?

– Calcolo Superficie Calpestabile (Utile Netta)

La superficie calpestabile rappresenta la superficie utile di un immobile. Misurata per ciascun vano al netto dei muri perimetrali e delle tramezzature. In sostanza essa non è nient”altro che la superficie misurata lungo il perimetro interno dei muri. La superficie utile non include:

  • lo spessore dei muri sia perimetrali che interni;
  • lo spessore dei tramezzi (partizioni);
  • lo spazio occupato dalle colonne ed i pilastri;

– Calcolo Superficie Commerciale ovvero Superficie Catastale

La superficie commerciale, rappresenta la superficie oggetto di vendita, calcolata secondo coefficienti di ponderazione stabiliti da  norma UNI 10750 e D.P.R. 138 del 1998 Agenzia delle Entrate  

Essa in sostanza viene calcolata sommando alla superficie utile coperta:

1) I muri interni e quelli perimetrali esterni vengono computati per intero, fino ad uno spessore massimo di 50 centimetri, mentre i muri in comunione nella misura del 50%, fino ad uno spessore massimo di 25 centimetri.

2) Le superfici ponderate ad uso esclusivo delle terrazze, balconi, patii e giardini;

3) Le quote percentuali delle superfici delle pertinenze (cantine, posti auto coperti e scoperti, soffitte-sottotetto, box, ecc.).

Leggi sotto un esempio di calcolo superficie commerciale.

A cosa serve calcolare la superficie dalla planimetria catastale?

Il calcolo superficie commerciale è utile in tutti i casi di valutazione, determinazione valore di mercato,  stime immobiliari e compravendite. Ti permette di conoscere la superficie immobile o dell”immobile che stai per vendere ovvero la Superficie Convenzionale Vendibile (SCV).

Il calcolo superficie calpestabile invece può essere usato nei casi di ripartizione dei costi di esercizio, tabelle millesimali e anche ai fini del calcolo  della tassa sui rifiuti  TARES (ex tarsu) e per la tassa acqua. Per il pagamento della TARI è indispensabile conoscere la superficie calpestabile dell’unità immobiliare. I proprietari degli immobili o gli affittuari infatti sono tenuti a dichiarare la superficie ed ad allegare una planimetria catastale al fine di stabilire la base imponibile per il pagamento dell’imposta.

Spesso mi capita di eseguire il calcolo della superficie in quanto si sono riscontrare discrepanze tra la superficie reale e quella catastale al fine di presentare un ricorso.

Come si calcola la superficie commerciale?

Innanzitutto va specificato che la superficie commerciale e la superficie catastale sono la stessa cosa e quindi va fatto lo stesso calcolo. I criteri per la determinazione di tali superfici sono dettati dal DPR 138 del 1998 che adotta come unità di misura il metro quadrato per gli immobili urbani a destinazione ordinaria. Gli immobili si dividono in categorie in base alla loro destinazione d’uso e per ogni categoria cambia il modo di calcolo.

Le categorie sono le seguenti:

  • Unità Immobiliare parte di un edificio
  • Immobili a destinazione terziaria – Direzionale
  • Autorimessa
  • Box
  • Posto auto coperto e posto auto scoperto
  • Strutture di tipo commerciale
  • Laboratorio
  • Magazzino
  • Capannone

Omogeneizzazione delle superfici

Poiché le unità immobiliari possono essere composte da superficie principale e da superfici accessorie, per calcolare la superficie commerciale occorre omogeneizzare, con opportuni coefficienti di ragguaglio, le superfici accessorie a quella principale.

Pertinenze

Sono da considerarsi pertinenze esclusive di ornamento i balconi, le terrazze, i cortili, i patii, i portici, le tettoie aperte, i giardini ecc. Le pertinenze esclusive a servizio sono i locali di uso esclusivo annessi e integrati con l’unità immobiliare (cantine, soffitte, locali deposito). Queste pertinenze possono essere comunicanti e non comunicanti. Non possono considerarsi pertinenze esclusive annesse all’unità immobiliare, i locali accessori che per la loro dimensione potrebbero essere economicamente e fisicamente indipendenti dall’unità immobiliare. In questo caso vanno calcolate separatamente in base alla loro destinazione d’uso.

Ulteriori specificazioni

Le superfici in generale aventi un altezza inferiore a 1,50 ml non entrano nel computo. Nel caso in cui ci fosse una scala interna la superficie di questa deve essere calcolata una sola volta e la misura è quella della sua proiezione orizzontale.

Esempio di calcolo di una struttura di tipo commerciale – negozio tradizionale

Le superfici principali sono calcolate come segue:

Il calcolo superficie commerciale si determina misurando le superfici coperte al lordo delle murature esterne fino ad uno spessore massimo di 50 cm. I muri in comunione invece si misurano nella misura massima del 50% e quindi fino ad uno spessore massimo di cm. 25.

La superficie dei locali accessori viene calcolata come segue:

  • 50%, se comunicanti con i locali aventi funzione principale (sottonegozio, magazzino ad uso del negozio….)
  • 25% qualora non comunicanti;
  • 100% se retrobottega

La superficie dell’area scoperta o a questa assimilabile di pertinenza esclusiva va computata nella misura del 20%.

Se presente una scala interna questa va computata soltanto nell’area derivata dalla sua proiezione orizzontale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblica il Commento