Glossario Immobiliare “F”

Fabbisogno annuo di energia primaria
Energia primaria globalmente richiesta nel corso di un anno per mantenere negli ambienti riscaldati la temperatura di progetto, in regime di attivazione continuo.

Fabbisogno annuo di energia primaria per la climatizzazione invernale
Quantità di energia primaria globalmente richiesta, nel corso di un anno, per mantenere negli ambienti riscaldati la temperatura di progetto, in regime di attivazione continuo.

Fabbrica
Stabilimento dove si lavorano materie ovvero vengono prodotti beni o articoli su scala industriale.

Fabbricato (vedi anche voce edificio)
Costruzione coperta, stabilmente infissa al suolo, delimitata da vie e spazi vuoti, oppure da altre costruzioni mediante muri maestri e che disponga di uno o più accessi autonomi; adibita a funzioni sia civili (fabbricati civili) sia rurali (fabbricati rurali) sia industriali (fabbricati industriali).

Fabbricato (ampliamento del)
L’ulteriore costruzione in senso orizzontale o verticale, di vani in un fabbricato già esistente, con l’incremento di volume del fabbricato stesso.

Fabbricato (volume del) – (v/p vuoto per pieno)

Il volume totale dello spazio compreso tra le pareti esterne, il pavimento più basso e la copertura misurata all’esterno.

Fabbricato di tipologia civile
Edificio a destinazione residenziale con incidenza significativa dei costi relativi alle opere di finitura (pavimenti, rivestimenti, infissi, accessori impiantistici). Generalmente ha caratteri distributivi razionali, livello architettonico buono. E’ un edificio ubicato generalmente in zone residenziali, con abitazioni inquadrate nella categoria catastale A/2, corrispondente alla R/1 del nuovo Quadro Generale delle Categorie di cui al D.P.R. 138/98, caratterizzate da ottima esposizione prevalente, grado di rifinitura tra il ricco e l’ordinario, media ampiezza dei vani, completezza di impianti tecnologici e dotazione di almeno due servizi igienici. Non è determinante la presenza o meno dell’alloggio del portiere nell’edificio. Sono compatibili con la categoria anche quelle unità immobiliari di consistenza inferiore a quella propria delle abitazioni di tipo civile a quelle appartenenti ai fabbricati a schiera, con caratteristiche costruttive, tecnologiche, di rifinitura e dotazioni proprie della categoria. E’ ammessa nel fabbricato la compresenza di autorimesse o box auto e quella di unità immobiliari a destinazione commerciale (negozi, magazzini, laboratori, istituti di credito e assicurazioni) (circ. 5 del 14.3.1992 D.C. Catasto e nota C/11022 del 24. maggio 1994)

Fabbricato di tipologia economica
Complesso edilizio a destinazione residenziale con incidenza ordinaria dei costi relativi alle opere di finitura (pavimenti, rivestimenti, infissi, accessori impiantistici). Generalmente caratterizzato dal massimo sfruttamento della superficie e della volumetriaedificabile, con più scale di accesso e pianerottoli che disimpegnano più unità immobiliari. E’ un edificio generalmente ubicato in località eccentriche, anche se del tipo popolare, con abitazioni solitamente inquadrate nella categoria catastale A/3, (corrispondente alla R/1 del nuovo Quadro Generale delle Categorie di cui al D.P.R. 138/98) caratterizzate da buona esposizione prevalente, grado di rifinitura tra l’ordinario ed il semplice, ampiezza dei vani medio piccola, completezza di impianti tecnologici e dotazione generalmente di non più di un servizio igienico. E’ ammessa nel fabbricato la compresenza di autorimesse o box auto e quella di unità immobiliari a destinazione commerciale (negozi, magazzini, laboratori, istituti di credito e assicurazioni) (circ. 5 del 14.3.1992 D.C. Catasto e nota C/11022 del 24. maggio 1994)

 Fabbricato di tipologia signorile
edificio, anche plurifamiliare, inquadrato nella categoria catastale A/1, corrispondente alla R/1 del nuovo Quadro Generale delle Categorie di cui al D.P.R. 138/98. Le abitazioni sono caratterizzate da ottima esposizione prevalente, ricco grado di rifinitura, grande ampiezza media dei vani, completezza di impianti tecnologici. Presenta generalmente caratteri architettonici di pregio, locali comuni di caratteristiche superiori a quelle possedute dai fabbricati civili, finiture interne accurate con impiego di materiali, impianti completi e di tecnologia superiore. (Circ. 5 del 14.3.1992 D.C. Catasto e nota C/11022 del 24. maggio 1994)

 Fabbricato intensivo
Edificio caratterizzato da forte densità abitativa, generalmente contraddistinto dal massimo sfruttamento della superficie e della volumetria ai fini abitativi. Nei grandi centri urbani è composto generalmente da oltre 30 unità immobiliari.

Fabbricato non intensivo

Edificio caratterizzato da media densità abitativa, generalmente contraddistinto da medio sfruttamento della superficie e della volumetria ai fini abitativi. Nei grandi centri urbani è composto generalmente da un numero limitato di alloggi inferiori generalmente alle 15 unità immobiliari.

Fabbricato nuovo
Costruzione edificata ex novo dalle fondamenta al tetto nel rispetto delle norme urbanistiche con vetustà non superiore a 5 anni.

Fabbricato recente
Costruzione con vetustà di edificazione dai 5 ai 30 anni..

Fabbricato ristrutturato
Costruzione che ha subito notevoli interventi di manutenzione straordinaria.

Fabbricato semi-intensivo
Edificio caratterizzato da tra forte e media densità abitativa, generalmente contraddistinto da buon sfruttamento della superficie e della volumetria ai fini abitativi. Nei grandi centri urbani è composto generalmente dalle 15 alle 30 unità immobiliari.

Fabbricato vecchio
Costruzione con vetustà di edificazione oltre ai 30 anni.

Facciavista
Modalità architettonica in cui gli elementi costruttivi (generalmente muratura di laterizi o di pietrame oppure calcestruzzo di cemento) non vengono ricoperti da alcuna rifinitura superficiale (ad es. intonaco).

Facility Management
Organizzazione e gestione, in genere da parte di imprese specializzate, dei servizi non strategici – o non core business – delle proprietà immobiliari di un’azienda o un ente. Quando avviene in modo integrato si dice anche “Integrated Facility Management”(IFM).

 Factoring
Contratto consistente nel trasferimento di crediti commerciali dal titolare ad un factor. Quest’ultimo si assume l’incarico della riscossione e ne garantisce il buon fine, anche in caso di insolvenza momentanea o di fallimento del debitore, con la ritenuta di alcune commissioni per il servizio reso. Il factoring è insieme un servizio e un mezzo di finanziamento.

Fair Value (o valore equo)
Secondo gli IAS/IFRS, la definizione di fair value (o valore equo) – ripresa nel Codice delle Valutazioni Immobiliari – è la seguente: «il prezzo al quale un bene può essere compravenduto, o al quale è possibile estinguere una passività, tra soggetti bene informati, non condizionati, indipendenti e con interessi opposti» IAS 16, paragrafo 6.

Falda inclinata

Piano inclinato di copertura di un edificio.

 Fascia di protezione stradale
Vedi fascia di rispetto

Fascia di rispetto
Striscia di terreno, esterna al confine stradale, sulla quale esistono vincoli alla realizzazione di costruzioni, recinzioni, piantagioni, depositi e similari.

Fascia pertinenziale stradale
Striscia di terreno compresa tra la carreggiata ed il confine stradale.

Fibrocemento

Vedi Amianto.

Fideiussione
Contratto con cui una parte (fideiussore) garantisce personalmente all’altra (creditore) l’adempimento di una obbligazione che verso quest’ultima ha o assumerà un terzo (debitore principale)

Fienile
Locale destinato alla raccolta e conservazione del fieno.

Finestra
Componente di edificio atto alla chiusura di un’apertura in una parete o in un tetto inclinato, che permette il passaggio della luce ed, eventualmente, la ventilazione. (Vedi infissi)

Finestratura
Insieme delle finestre di un edificio.

Foglio di mappa

Rappresentazione cartografica catastale di una porzione limitata di territorio di un Comune. La scala di rappresentazione è, in genere 1:2000, più raramente 1:1000 ed 1:4000. L’insieme dei fogli di mappa di un intero Comune è rappresentato nel cosiddetto Quadro d’Unione.

Fondazione
Parte della struttura dell’edificio che si trova a contatto con il terreno su cui poggia l’edificio, alla quale è affidata la funzione statica principale di trasmettere a terra il peso della costruzione, compatibilmente con la portanza del terreno.

Fondi aperti
Fondi Comuni di Investimento a capitale variabile in cui il numero delle quote rappresentative del patrimonio netto in circolazione varia in funzione del numero di sottoscrittori del Fondo.

Fondi chiusi
Fondi Comuni di Investimento in cui il numero massimo di quote in circolazione è stabilito per regolamento.

Fondi immobiliari (equity reit)
Fondi comuni che effettuano investimenti in proprietà immobiliari. Traggono profitto dall’incremento di valore e si avvantaggiano anche del reddito prodotto dal bene stesso (ad esempio gli affitti). Strumento finanziario che consente al risparmiatore di partecipare ai risultati economici di iniziative assunte nel comparto immobiliare.

Fondo comune d’investimento
Patrimonio autonomo suddiviso in quote di pertinenza di una pluralità di partecipanti, gestito da una Società di intermediazione finanziaria che ha la forma di una S.p.A. che raccogliere i capitali dei risparmiatori mediante l’emissione di quote dette parti, per effettuare investimenti diversificati in titoli mobiliari.

Fondo dominante
Fondo per l’utilità del quale è imposto un peso su altro fondo (fondo servente), appartenente a diverso proprietario.

Fondo rustico
Insieme di terreni aventi natura agricola e costituenti un unico complesso aziendale.

Fondo servente
Fondo sul quale è imposto un peso, per l’utilità di un altro fondo (fondo dominante), appartenente a diverso proprietario.

Fonoassorbente (materiale)

Materiale o che assorbe suoni e rumori

Fonoassorbimento acustico
Caratteristica di un materiale di assorbire i suoni.

Fonti di energia assimilate (alle fonti rinnovabili di energia)
Sono fonti di energia assimilata:
– la cogenerazione, intesa come produzione combinata di energia elettrica o meccanica e di calore;
– il calore recuperabile nei fumi di scarico e da impianti termici, da impianti elettrici e da processi industriali;
– le altre forme di energia recuperabile in processi, in impianti e in prodotti ivi compresi i risparmi di energia conseguibili nella climatizzazione e nell’illuminazione degli edifici con interventi sull’involucro edilizio e sugli impianti.

Fonti energetiche secondarie
Fonti non direttamente sfruttabili in natura ma che derivano da una trasformazione di quelle primarie (energia elettrica, elettronucleare ecc).

Foresteria
Appartamento o piccola unità immobiliare destinata ad ospitare forestieri ovvero turisti per brevi periodi.

Formella
Riquadro di varia forma in legno, marmo, bronzo o terracotta, spesso decorato con pitture o rilievi usato a scopi ornamentali per cornicioni, porte e similari

Fornice
Spazio vuoto formato da un arco ovvero apertura per lo più praticabile e sormontata da arco.

Fossa (dell’ascensore)
Volume tecnico sottostante la fermata più bassa di un ascensore.

Fossa biologica
Impianto utilizzato per eliminare le sostanze luride nei centri urbani ovvero nelle costruzioni sprovviste di impianto di fognatura.

Fossa settica
Serbatoio in cui si raccolgono le acque luride di una fabbricato, depurate con un processo biochimico artificiale.

Frantoio

Ambiente in cui sono collocati i macchinari utilizzati a frangere le olive per la produzione dell’olio.

Frazione organica dei rifiuti

Frazione dei rifiuti urbani comprendente gli scarti alimentari, quelli vegetali provenienti da attività agricole e agro-industriali, quelli di legno ovvero tessili di origine vegetale e che contiene elevate concentrazioni di acqua.

Frazione secca dei rifiuti urbani
Frazione di rifiuto urbano costituita da materiali generalmente rappresentati da plastica, carte, legno, metalli, vetro, molti dei quali ad elevato potere calorico.

Frazione umida dei rifiuti
vedi frazione organica

Freccia o monta di un arco
Distanza verticale tra il piano di imposta e il punto più alto della superficie inferiore dell’arco.

Frontalino
Parte terminale esterna e facciale del pavimento dei balconi .

Frontone
Parte triangolare elevata sul cornicione, rappresentante la doppia inclinazione del tetto.

Fune di sicurezza (dell’ascensore)
Fune ausiliaria collegata alla cabina di un ascensore e al suo contrappeso, destinata ad azionare il paracadute

Scrivi un Commento se hai necessità di avere maggiori informazioni riguardo questo argomento:

I commenti sono chiusi

+1
Condividi
Tweet
Condividi